Primo congresso provinciale di #diventeràbellissima con un occhio alle Europee. Alfano è il segretario

Primo congresso provinciale di #diventeràbellissima con un occhio alle Europee. Alfano è il segretario

E’ il già sindaco di Comiso Giuseppe Alfano il nuovo segretario di #diventerà bellissima, votato per acclamazione nell’ambito del primo congresso provinciale svoltosi domenica mattina, con un occhio puntato alle prossime Europee, in tema di alleanze e accodi da stringere con altri partiti e movimenti politici. Nei locali dell’Auditorium “Cartia” della Camera di Commercio di Ragusa, il movimento del presidente Nello Musumeci si è riunito per scegliere i coordinatori provinciali ed i delegati che parteciperanno al Congresso regionale del Movimento, in programma domenica prossima allo Sheraton Hotel di Catania. Ad aprire i lavori il presidente del congresso, Giuseppe Zitelli deputato regionale di #Diventeràbellissima e segretario della Commissione d’inchiesta e vigilanza sul fenomeno della mafia e della corruzione in Sicilia. Sono intervenuti, per i saluti, la senatrice Marisa Moltisanti, il sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì, il sindaco di Comiso, Maria Rita Schembari ed il deputato regionale Giorgio Assenza. Zitelli ha puntato l’attenzione sull’attuale situazione politica, drammatica, che si registra alla Regione dove la maggioranza non riesce ad operare al meglio a causa del modus operandi dell’opposizione e di qualche franco tiratore. “L’aiuto per lavorare- ha detto- ci può giungere solo da voi, da chi rappresenta il movimento nei territori, per far capire alla gente cosa sta accadendo. Avere un movimento strutturato non può che farci bene”.

“Sono venuta perché ho creduto fin dal primo momento al progetto di Nello Musumeci- ha detto invece la senatrice Moltisanti- cui mi lega un’amicizia storica. A tutti voi non posso che augurare buon lavoro congressuale e buone scelte”. Nel dare il saluto della città, il sindaco Cassì ha ricordato come il presidente Musumeci abbia, in pochi minuti, sbloccato l’iter burocratico che da tempo ingabbiava la realizzazione della metropolitana di superficie ed ha chiesto ai deputati regionali Assenza e Zitelli di continuare a pungolare il governo per la realizzazione del raddoppio della Ragusa-Catania.

“L’isolamento più difficile per noi sindaci- ha aggiunto la Schembari- è quello che può essere provocato dai nostri colleghi. Per fortuna, invece, finora ho sempre trovato gli altri primi cittadini pronti a fare squadra. Se accanto ai sindaci c’è anche un movimento ben strutturato, poi, ci sentiamo meno soli anche quando bussano, ogni giorno, alla nostra porta decine di giovani”. La stessa ha poi ricordato come il Governo regionale abbia, in pochi mesi, sbloccato la cessione dei rimanenti 87 ettari di area ex Usaf (ricadenti nell’area aeroportuale di Comiso) dal Ministero della Difesa alla regione e, contestualmente, al Comune.

“La scommessa di questi congressi provinciali e di quello regionale- ha detto Assenza- è quello di lavorare per una proiezione sovra-regionale del Movimento cui hanno aderito anche illustri esponenti della sinistra come il prof Buttitta, giusto per citarne uno, e che è diventato catalizzatore anche di varie esperienze civiche”. A proposito di quanto accaduto al Governo Regionale nelle ultime settimane Assenza aggiunge: “per la prima volta, da decenni, la Sicilia si è dotata degli strumenti finanziari (bilancio e legge finanziaria) solo dopo un mese di esercizio provvisorio. Ciò è però passato sotto silenzio perché ha fatto più rumore la polemica”. Il presidente del collegio dei Questori all’Ars ha poi ricordato alcuni dei successi di questo governo, tra cui la legge sulle acque e quella sui rifiuti e le azioni sulla rete ospedaliera. “Musumeci, però, ha imposto alla sua maggioranza di tenere i toni bassi e non raccontare ‘miracoli’ in giro, perché non bisogna vantarsi dei piccoli successi, anche se fondano le basi per il cambiamento di domani. E sono sicuro che questo governo sta lavorando per fare la differenza anche nel futuro. Ragusa non è stata dimenticata e pur con questa crisi si è trovata la maniera per non far estinguere, ad esempio, il fondo per Ibla (anche se non è eccezionale), per giungere all’inaugurazione dell’ospedale nuovo di Ragusa, per lavorare al centro di compostaggio, per impegnarsi alla realizzazione della metropolitana di superficie e consentire un’accelerazione al trasferimento del sedime aeroportuale”. Diversi gli interventi da parte della platea (Dante Di Trapani, Andrea Nicosia, Giuseppe Scrofani, Alberto Belluardo e Nino Capozzo che ha portato i saluti dell’Anmil, l’associazione nazionale mutilati ed invalidi sul lavoro) che ha anche puntato l’attenzione sulle prossime elezioni Europee e chiesto che il Movimento decida, domenica prossima, anche eventuali alleanze o accordi con altri movimenti e partiti.

Subito dopo, come accennato, si è proceduti all’elezione del nuovo segretario. Per acclamazione è stato votato Giuseppe Alfano, ex sindaco di Comiso, unico candidato. “Grazie a tutti per la fiducia- ha commentato Alfano- come detto anche da chi mi ha preceduto, voglio precisare che la scelta di puntare su un solo nome è stata condivisa da tutti i rappresentanti della provincia di Ragusa proprio per dare un segnale di unità e compattezza della nostra realtà provinciale. Ringrazio il Movimento per aver voluto puntare sui congressi. Per troppo tempo siamo stati costretti a subire scelte fatte dai deputati, anche relativamente a questioni amministrative, perché mancava il confronto ed il rapporto con la base. Adesso, invece, ci hanno dato mandato di tornare a dialogare con la gente. Per questo vorrò incontrare ogni singola realtà comunale che avranno tutte un valore ed un peso uguale nelle nostre scelte, indipendentemente dal numero di tessere”.