Il sindaco Cassì "fa il pieno" ed avrà una maggioranza di 15 alleati

Il sindaco Peppe Cassì (foto) "fa il pieno" ed avrà una maggioranza di 15 consiglieri. Solo 9 i consiglieri di opposizione compreso Antonio Tringali che è stato il candidato sindaco che è arrivato al ballottaggio. Cambia radicalmente la geografia del consiglio comunale a palazzo dell’Aquila con il primo cittadino che potrà ancora attingere alle sue liste visto che Luigi Rabito, Giovanna Licitra e Raimonda Salamone si dimetteranno in quanto designati assessori. C’è quindi posto per fare spazio ad altri tre candidati nella lista del sindaco. Ai primi posti nella lista dei più votati si trovano, tuttavia, consiglieri dell’opposizione. I più votati in assoluto sono Pd, Mario Chiavola e Mario D’Asta entrambi a quota 535. Dieci voti in meno per Zaara Federico, 525, voti, che è la più votata della pattuglia di 4 consiglieri del M5S che ha subito la più sostanziosa debacle rispetto alla precedente legislatura.

Insieme a Federico ci sono Sergio Firrincieli, Alessandro Antoci e Giovanni Gurrieri. A seguire Giorgio Mirabella della lista Insieme, uscente anche lui, presidente del Pro Ragusa Calcio, eletto con 485 preferenze. Ragusa Prossima, lista che appoggiava Giorgio Massari, elegge Gianni Iurato. Il sindaco potrà contare su Salvatore Cilia, Maria Malfa, Giovanna Licitra, Raimonda Salamone, Luigi Fabrizio Ilardo, Fabio Bruno, Sergio Schininà, Andrea Tumino, Gianna Occhipinti, Daniele Vitale, Luca Rivillito, Cettina Raniolo, Gianni Mezzasalma. Carmelo Anzaldo con appena 102 voti è il 15mo consigliere assegnato alla maggioranza a discapito della lista del M5S in forza del miglior quoziente resti. Toccherà al presidente del consiglio comunale uscente, Antonio Tringali, fissare la data di convocazione della prima seduta del consiglio che avverrà comunque entro la metà del mese.