Passaggio di consegne tra il nuovo sindaco Schembari e Spataro

Si è svolto in un´affollata aula consiliare il passaggio delle consegne tra il sindaco uscente Filippo Spataro e il sindaco eletto Maria Rita Annunziata Schembari (foto). Contestualmente è avvenuto l´insediamento del nuovo primo cittadino. Filippo Spataro, prima di cedere la fascia tricolore a Maria Rita Schembari, ha augurato il classico buon lavoro al nuovo sindaco, ricordando l´importanza, ma altresì le responsabilità, che la carica comporta.
Il neosindaco Maria Rita Annunziata Schembari, visibilmente emozionata, ha ringraziato tutti coloro che, in queste settimane, le sono state vicine e l´hanno sostenuta, ribadendo che la sua azione amministrativa sarà finalizzata a promuovere lo sviluppo economico e sociale di Comiso e di tutti i comisani. Si è dichiarata, quindi, certa di trovare un clima di collaborazione col personale. Infine, da primo sindaco donna di Comiso, ha dedicato la sua vittoria a tutte le grandi donne comisane e in particolare a Lavinia Ciarcià prematuramente scomparsa.

MARIA RITA SCHEMBARI, PRIMO SINDACO DONNA DI COMISO
Anche Comiso ha registrato il ribaltone. La docente Maria Rita Schembari del centro destra ha superato al ballottaggio l’uscente Filippo Spataro del Pd con appena 62 voti di scarto, diventando la prima donna sindaco nella storia di Comiso. La Schembari ha alle spalle una esperienza amministrativa da assessore e successivamente da consigliere comunale di opposizione. Il gran regista politico del successo della Schembari è il deputato regionale Giorgio Assenza, che è stato capace di aggregare il centro destra e di veicolare il messaggio del rinnovamento confermandosi leader indiscusso del centro destra. L´uscente e non riconfermato sindaco Filippo Spataro può comunque ritenersi soddisfatto di quanto ha concretizzato da sindaco e della verve impiegata in campagna elettorale. Per Spataro perdere la sindacatura è stato un colpo duro da assorbire ed ancora una volta la frattura nell’area progressista è stata decisiva.

La candidatura di Pippo Digiacomo e il mancato apparentamento sono stati errori che Spataro paga a caro prezzo e per i quali non ci sono risarcimenti di sorta. Spataro ha rivolto i complimenti alla sua competitor per la vittoria, augurandole buon lavoro. La Schembari ha festeggiato per le strade vicino alla storica piazza Fonte Diana, simbolo di Comiso, un quarto d´ora prima dell´una di notte, «sommersa» dai suoi sostenitori che ha ringraziato per averle dato fiducia. La Schembari ha poi tenuto un improvvisato quanto breve comizio in piazza Fonte Diana, conclusosi intorno all´1.30 dinanzi ad una folta platea, parlando dei punti cardine del suo programma elettorale, tra cui la non privatizzazione del cimitero comunale e una minore pressione fiscale. tuttavia il suo primo impegno ufficiale è stato nelle vesti di docente per gli esami di Stato.

GLI ASSESSORI DESIGNATI E IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE
Per il neo sindaco è scattato anche il premio di maggioranza in consiglio comunale con 10 consiglieri eletti rispetto ai 6 dell’opposizione. Questo l’elenco completo. Per la maggioranza Diventerà Bellissima con 5 consiglieri: Alberto Belluardo, Dante Di Trapani, Manuela Pepi, Giuseppe Alfano, Michele Assenza. Comiso vera 3 consiglieri: Roberto Cassibba, Salvatore Romano e Valentina Damiata. Due i consiglieri per Prima Comiso: Alessandro Meli e Biagio Vittoria.

I quattro assessori designati di Maria Rita Schembari sono Manuela Pepi (Diventerà Bellissima), Roberto Cassibba (Comiso Vera), Biagio Vittoria (Prima Comiso) e Giovanni Caggia (non collegato ad una lista). Tre degli assessori designati sono già consiglieri. Per legge, solo due possono avere anche la carica consiliare e di conseguenza uno di loro dovrà dimettersi. L’insediamento ufficiale dovrebbe dunque registrarsi già mercoledì prossimo.