Pari per Pozzallo e Comiso, Virtus Ispica vince

Pari per Pozzallo e Comiso, Virtus Ispica vince

Calcio, Promozione/D

Pozzallo-Megara:1-1

Marcatori: 16’pt Porto, 39’st Campanella

POZZALLO: Fornoni, Fusca, Occhipinti (st.15’ Gjoci), Cappello, Coppa (st.24’ Blando), Dongola, Butera, Maltese (46’ st. Caccamo), Drago, Filicetti, Porto. All. Tasca

MEGARA: Cirnigliaro, Cardile, Casavecchia, Palma (st.20’ Venditti), Balsamo, Campanella, Carbonaro, Busso, Di Mauro, Guglielmino, Alfò (st. 41’ Anfuso). All. Di Mauro

ARBITRO: Castelletti di Caltanissetta

 Il Pozzallo stecca la prima davanti al proprio pubblico. I tre punti per igli azzurri sfumano a pochi minuti dalla fine grazie ad un colpo sottomisura del’esperto Camppanella. Nella squadra di Tasca esordio di Butera mentre mancavano Ricca e Implatini. Gioco prevalentemente a centrocampo con Filicetti a cercare il lancio giusto per Alex Porto o Simone Drago. Dall’altra parte difesa solida e centrocampisti pronti ad arginare le folate offensive dei padroni di casa. Alex Porto (foto) realliza il gol del vantaggio dopo appena 16’ con un colpo da maestro.; nulla da fare per il portiere ospite Cirnigliaro. Insistono i locali che ci provano con Filicetti su calcio di punizione, ma la mira del centrocampista non è la solita e il numero uno ospite non corre seri pericoli.

Il primo tempo si chiude sull’1-0 e tutto sembra favorire il Pozzallo perché i neroverdi restano prima in dieci, espulso Busso, e poi in 9, cacciato negli spogliatoi Balsamo. I  neroverdi ospiti resistono e al 30’ sfiorano il pareggio che solo una grandissima parata di Fornoni su conclusione di Di Mauro lo evita. Il Megara prende campo approfitta dell’espulsione di Gjoci per tentare il tutto per tutto. Il Pozzallo amministra il gioco, Tasca mette in campo forze fresche ma non serve. Un calcio di punizione dalla tre quarti in favore degli ospiti e il pallone viene indirizzato in area del Pozzallo; una piccola mischia ed è l’esperto Campanella a metterci il piede per la deviazione sotto rete che vale il pari.

Virtus Ispica-Caltagirone: 2-1

Marcatori: 40’pt Buscema, 46’pt  Camuti, 18’st Paternò

Virtus Ispica: Puccia, Peluso, Zocco, Drago, Presti, Buscema, Paternò (93’ Cavallo), Solari, Sirugo (85’ Di Benedetto), Filpi (46’ Adamo), F. Bonaventura (91’ M. Bonaventura). All. Monaca

Caltagirone: Polessi, Alma, Spatola, Ruscica (85’ Giaquinta), Evola, Iapichino, Gomez (60’ Navanzino) Di
Nora, Sammartino, Incardona, Camuti. All. Parisi

Giallorossi impavidi al “Consales” I virtussini resistono al ritorno del Caltagirone e portano a casa i tre punti. Partita molto accesa che si sblocca a fine primo tempo dopo che Sirugo ha avuto ben tre occasioni per andare in gol. Polessi dice no all’attaccante giallorosso. Ci pensa Buscema a realizzare il primo gol ma i calatini in azione di rimessa si portano sul pari con Camuti. Nel secondo tempo al 18’ angolo di Peluso, testa di Buscema e gran respinta di Polessi corta, sulla palla entra Paternò e mette dentro. Il Caltagirone non ci sta, preme e trova un rigore al 26’. L’esordiente Puccia, schierato al posto di Brafa che ha lasciato per motivi di lavoro, para e salva una vittoria che vale oro.

Armerina-Comiso: 1-1

Marcatori: 27′ pt Deoma, 40′ pt Bojang

Armerina: Cigna; Lo Bartolo, Domicoli, Minolfi, Liuzzo (60′ Albini); E. D’Assaro, Vittoria (84′ La Marca), Latragna, Alessandro; Deoma (70′ R. D’Assaro), Placenti. All. Angilella

Comiso: Annese; Di Pasquale (79′ Modica), Leggio, Assenza, Rotondo; La Raffa, Bojang, Gurrieri (76′ Di Stefano), Mascara, Conteh (76′ Gulino), Zenzaro. All. Fazio.

Arbitro: Gambacurta di Enna

Il Comiso sciupa anche un rigore e deve accontentarsi del pari. I verdearancio sono riusciti a recuperare la rete segnata da Deoma con un tiro ben calibrato dal limite dell’area. Dopo 8′ rigore per la squadra iblea ma Mascara si fa neutralizzare il tiro da Cigna. Niente da fare per il portiere enneso sul tiro di Bojang  che si inserisce su lancio da centrocampo si presenta solo e trafigge il portiere in uscita. Il Comiso preme nella ripresa ma non sfonda.