Traffico di droga tra Sicilia, Calabria e Malta. 15 arresti

Traffico di droga tra Sicilia, Calabria e Malta. 15 arresti

C’è anche un insospettabile impiegato comunale di Ispica tra i soggetti coinvolti nel traffico di droga che correva lungo l’asse Sicilia, Calabria e Malta. Era una strutturata associazione per delinquere composta da italiani, albanesi e maltesi quella che trafficava e spacciava cocaina, hashish e marijuana acquistate in Albania, Puglia e Calabria e rivendute in Sicilia, Lombardia e Malta. L’organizzazione criminale è stata scoperta e sgominata dalla guardia di finanza di Catania e Ragusa nell’ambito dell’operazione antidroga “La Vallette”. 16 le persone raggiunte all’alba di mercoledì tra la Sicilia e la Calabria da misure cautelari (15 in carcere e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria). Ad attirare l’attenzione dei finanzieri sull’impiegato comunale di Ispica l’alto tenore di vita mantenuto da quest’ultimo, ritenuto dagli investigatori non giustificabile con un semplice stipendio. Gli indagati sono gravemente indiziati del delitto di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione ha interessato 4 province: Catania, Ragusa, Siracusa e Reggio Calabria. Durante le indagini sono stati sequestrati in più occasioni complessivamente 430 chili di droga tra cocaina, hashish e marijuana. 9 infine le persone arrestate in flagranza tra Catania e Ragusa da parte dei militari di Catania e della tenenza di Pozzallo.