Piantagione di marijuana in un bunker sotterraneo: un arresto

Piantagione di marijuana in un bunker sotterraneo: un arresto

In un insospettabile bunker sotterraneo celato da una botola un 63enne di Vittoria aveva creato una piantagione composta da 177 piantine di canapa “olandese”, senza infiorescenze, di cui 87 coltivate all’interno di alcuni vasi sigillati con alluminio per mantenere la temperatura, e 90 contenuti all’interno di sacchi cosiddetti “growbag”, coltivata grazie ad un impianto di ventilazione, illuminazione, aerazione e irrigamento automatico, nonché a un dispositivo di deumidificazione. E’ quanto scoperto dai carabinieri, che, durante la perquisizione, hanno trovato anche 6 grammi circa di marijuana già essiccata.

Le manette in flagranza di reato per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica sono scattate per Vincenzo Zago,, 63 anni, coltivatore agricolo residente a Comiso. I militari, ritenendo che l’arrestato coltivasse sostanza stupefacente, hanno svolto una perquisizione nella sua abitazione di contrada Billona, nella periferia del centro cittadino di Comiso.

All’interno di un capannone, annesso all’abitazione dall’arrestato e adibito a deposito mezzi e attrezzi utilizzati per la sua attività agricola, i militari hanno rinvenuto, in una stanza adibita a essiccatoio, un bilancino di precisione, una stufa elettrica e un ventilatore. Insospettiti dalla presenza dell’essiccatoio, i carabinieri sono entrati all’interno di un vano, nascosto da alcuni tronchi di legname accatastato verticalmente, rinvenendo un’anomala botola di forma quadrata che immetteva in un sotterraneo. Una volta aperta, scesi di qualche metro con una scala in ferro, si sono ritrovati all’interno del piccolo bunker che ospitava la coltivazione, alimentata abusivamente mediante un collegamento illegale alla rete elettrica pubblica e con un danno stimato di circa 65.000 euro. Tutto è stato dunque posto sotto sequestro, mentre l’uomo è agli arresti domiciliari.