Covid: il professore Bruno Ficili è spirato in ospedale a Modica

Covid: il professore Bruno Ficili è spirato in ospedale a Modica

Non ce l’ha fatta il 2° contagiato covid di Scicli: il professor Bruno Ficili, noto per il suo impegno internazionale in favore della pace nel mondo e 13 volte candidato per il Nobel, è spirato nella notte all’età di 84 anni all’ospedale Maggiore di Modica. Il professore Ficili era tornato a Donnalucata come ogni anno per la villeggiatura. Nelle ultime ore però le sue condizioni di salute erano reentinamente peggiorate. Lunedì, a causa di una grave crisi respiratoria, il ricovero d’urgenza a Modica, dove gli era stato diagnosticato il covid. Nei giorni precedenti, anche la domestica di Ficili, ovvero la donna 45enne albanese, madre di un ragazzo, aveva scoperto di essere affetta da covid. Quest’ultima non è più ricoverata. Decisamente meno fortunato invece Bruno Ficili, che viveva a Siracusa e lascia la moglie e un figlio. Viveva a Siracusa. Resta impressa nella memoria la venuta nell’ex base missilistica di Comiso del mitico pugile statunitense Muhammad Ali, noto anche come Cassius Clay, a sostegno della pace nel mondo, su iniziativa dello stesso professore Ficili. Quest’ultimo è il secondo paziente covid di Scicli morto a causa del virus dopo il 70enne dello scorso aprile.