A S. Croce un ferito dopo lite con immigrato. Il sindaco dal prefetto

A S. Croce un ferito dopo lite con immigrato. Il sindaco dal prefetto

Un cittadino santacrocese è finito alla guardia medica per una richiesta di soccorso a seguito di un’aggressione avvenuta poco prima nei pressi di via Diana a Santa Croce Camerina ad opera di un immigrato, come accertato dallo stesso sindaco Giovanni Barone, il quale ha informato dell’accaduto i carabinieri del comando provinciale di Ragusa. Il primo cittadino ha chiesto una intensificazione dei controlli dei pattugliamenti, dal momento che queste liti tra residenti ed immigrati, con questi ultimi che costituiscono il 25% degli abitanti, stanno diventando sempre più frequenti. “Alcuni nordafricani – dice il sindaco – non riescono ad integrarsi nel nostro contesto sociale. E se di sera qualcuno di loro si trova agli angoli delle strade ad ubriacarsi. Anche per questo motivo abbiamo aggiunto nello statuto comunale la Consulta dei Migranti. Adesso occorre regolamentarla. Prepareremo un regolamento e istituiremo quest’organo che avrà il compito di studiare dall’interno il fenomeno della microcriminalità. La mia città e i miei concittadini – specifica il sindaco – non sono intolleranti agli extracomunitari né tantomeno razzisti. Occorre però limitare i già numerosi casi di liti e schiamazzi serali”. A questo proposito il primo cittadino chiederà al prefetto di Ragusa una maggiore presenza delle forze dell’ordine sul tutto il territorio camarinense, mentre hanno già preso servizio 10 ausiliari che saranno affiancati da agenti di polizia locale esperti per un maggior controllo in città e nelle borgate marinare fino a tarda ora.