Tonno rosso non tracciabile: sequestro e sanzione di 2.600 euro

Tonno rosso non tracciabile: sequestro e sanzione di 2.600 euro

Una sanzione di oltre 2.600 euro è stata elevata dai militari della capitaneria di porto di Pozzallo al titolare di un punto vendita a Ispica, dove era stata trovata una buona quantità di tonno rosso di cui non era però possibile stabilire la tracciabilità e quindi la provenienza, a causa del non corretto documento elettronico obbligatorio per legge. I 25 chili di pesce sono stati dunque sequestrati per la successiva distruzione di cui si dovrà occupare lo stesso trasgressore. Questo genere di controlli operati periodicamente dalla guardia costiera sono tesi a garantire la tutela del consumatore finale.