Ottiene soldi per sponsor squadra di calcio, ma è un truffatore

Ottiene soldi per sponsor squadra di calcio, ma è un truffatore

I carabinieri hanno arrestato uno sciclitano di 39 anni per violazione degli obblighi della sorveglianza speciale. L’indagine dei Carabinieri era partita dalla denuncia di un uomo che si era visto truffare qualche giorno prima a Modica dal giovane sciclitano. Quest’ultimo, spacciandosi per un procacciatore di sponsor per conto di una squadra di calcio, si era fatto consegnare diverse centinaia di euro dal malcapitato. Il truffato, dopo essersi reso conto di essere rimasto vittima del raggiro, ha denunciato i fatti ai militari, che, avviando le indagini, hanno acquisito diverse immagini di sistemi di videosorveglianza e hanno ricostruito la dinamica dei fatti. La truffa, come accennato, era stata compiuta a Modica dal sorvegliato speciale di Scicli che era gravato da obbligo di soggiorno nel comune di residenza. L’arresto, come accennato, era comunque scattato non per il presunto reato di truffa, ma per la violazione degli obblighi della sorveglianza speciale. L’arresto, tuttavia, non è stato convalidato dal giudice, in quanto il legale difensore dell’uomo ha dimostrato che il suo assistito era in possesso di una autorizzazione emessa dallo stesso tribunale di Ragusa che autorizzava il 39enne a poter uscire dal comune di residenza.