Omicidio Peppe Lucifora: indagini a tutto campo. Svolta vicina?

Omicidio Peppe Lucifora: indagini a tutto campo. Svolta vicina?

Una piccola quantità di droga, per la precisione hashish, è stata trovata in casa di Peppe Lucifora, dove è stato ucciso, nel corso dei ripetuti sopralluoghi dei carabinieri: è quanto appreso dai colleghi di Video Mediterraneo da fonti investigative. Il 58enne modicano, come noto, è stato trovato morto nella sua camera da letto, chiusa dall’esterno e della cui chiave non è stata trovata traccia, dopo essere stato soffocato, forse con un cuscino, e picchiato con particolare violenza. Le indagini, che proseguono a 360 gradi, devono ora accertare anche chi utilizzasse quella droga trovata in casa di Peppe Lucifora, il cui quantitativo modesto suggerisce un uso personale. Chi conosceva bene la vittima, dichiara che il 58enne non facesse assolutamente uso di droga. A chi era destinato quindi l’hashish? Forse era stato assunto dalle stesse persone che poi hanno ucciso il cuoco modicano? E’ solo una della tante, troppe ipotesi che si moltiplicano giorno dopo giorno e che non trovano conferme ufficiali da parte degli inquirenti, che mantengono un fitto riserbo sulla vicenda. La comunità modicana, scossa dal violento omicidio, pretende di conoscere al più presto la verità ed ottenere giustizia, mentre i manifesti a lutto campeggiano mestamente all’ingresso del palazzo del quartiere Dente, dove si trova l’appartamento teatro del delitto, posto sotto sequestro nell’ambito delle indagini.

CHI ERA PEPPE LUCIFORA
Peppe Lucifora era un personaggio originale per il suo umorismo, la sua affabilità e il suo ricercato abbigliamento, un “San Giurgiaru” convinto che non si perdeva mai un appuntamento della festa del Santo Patrono. Non era raro vederlo con il suo carretto siciliano vendere cedri, i cosiddetti “piretti modicani” alle feste della religione e del folklore modicano, tra le quali spiccava quella della Madonna Vasa Vasa, ma anche la Pasqua, U Marti i l’Itria e non solo. Grande appassionato della storia locale, Peppe Lucifora aveva creato un suo piccolo museo personale, di cui andava molto orgoglioso. Il modicano in passato aveva lavorato anche come commesso in un noto negozio di abbigliamento. Peppe Lucifora, che ha sempre condotto una vita tranquilla, in gran parte occupata dal lavoro di chef, essendo anche uno dei pochi cultori della vera tradizione culinaria modicana.