Rubavano prodotti agricoli in aziende poi rivenduti al mercato

Rubavano prodotti agricoli in aziende poi rivenduti al mercato

Erano diventati una sorta di piaga per gli agricoltori delle zone rurali di Ispica, costretti a subire furti nelle loro aziende e a vivere nel terrore: si tratta del 55enne modicano Marcello Cannizzaro e dei suoi complici marocchini di 49 e 55 anni, tutti finiti in manette nell’ambito dell’operazione “Everyday fruit” condotta dai carabinieri. L’attività investigativa aveva preso le mosse da diverse denunce risalenti a gennaio 2019, per ripetuti ed ingenti furti di ortaggi in numerose aziende. Sono state svolte diverse attività di intercettazione telefonica ed ambientale che hanno consentito di comprendere come i 3 soggetti agissero ogni notte, rubando centinaia di chili di prodotti ortofrutticoli (pomodori, zucchine, melanzane) che venivano venduti il mattino successivo al mercato ortofrutticolo di Modica. Le indagini hanno permesso di riscontrare una decina di episodi nei quali il gruppo criminale ha mostrato organizzazione, capacità di vendere il prodotto in tempi rapidi e con ottimi profitti, divisi secondo un accordo consolidato.

Lo scorso febbraio, uno dei furti culminò nell’arresto in flagranza di uno dei sodali. L’organizzazione prevedeva l’ordine di “acquisto” da parte del soggetto modicano, la conseguente operazione furtiva messa in atto dai 2 stranieri e la successiva cessione, dietro pagamento del prezzo, ad un intermediario italiano che la mattina collocava i prodotti di origine furtiva al mercato ortofrutticolo di Modica, all’insaputa dei responsabili della struttura, ignari di tutto. Le indagini sono proseguite per circa 5 mesi, fino allo scorso maggio. L’operazione ha dunque permesso di interrompere l’azione criminale del gruppo criminale, tutelando la proprietà e la produzione agricola nel territorio colpito dai numerosi furti, oltre una decina, negli ultimi mesi.