Picchia e rapina la sua ex, incinta di 4 mesi: arrestato un 20enne

Picchia e rapina la sua ex, incinta di 4 mesi: arrestato un 20enne

Godeva di protezione umanitaria, ma ciò non gli impediva di comportarsi in maniera tutt’altro che “umana” con la sua ex compagna, che ha picchiato e rapinato nonostante fosse al quarto mese dello stato di gravidanza: si tratta di un 20enne di origini gambiane, arrestato dalla polizia in una operazione lampo con le accuse di maltrattamenti aggravati, rapina, lesioni personali e furto aggravato. Era stata la stessa donna di nazionalità rumena a segnalare di aver subito una rapina dal suo ex compagno, che le aveva sottratto con la forza lo smartphone e lo zaino. La donna era stata nuovamente aggredita dallo stesso soggetto che, nell’occasione, si era scagliato prima contro un suo amico, lanciandogli delle bottiglie di vetro contro, e poi contro un altro suo amico appena 14enne, violentemente colpito con calci, pugni e testate. Quest’ultimo aveva quindi riportato un trauma nasale e facciale, con 10 giorni di prognosi. Gli uomini diretti dal Vice Questore Aggiunto Filiberto Fracchiolla, in ambiente protetto, dopo aver tranquillizzato la donna, l’hanno convinta a raccontare tutto. La vittima ha quindi narrato delle violenze alle quali era sottoposta dall’ex compagno, diventato intrattabile dopo essere stato messo al corrente della gravidanza. Una volta rintracciato, con addosso ancora la refurtiva, l’uomo è stato dunque arrestato.