Bloccate per un’ora in ascensore all’ospedale Maggiore 8 persone

Bloccate per un’ora in ascensore all’ospedale Maggiore 8 persone

Alcuni utenti restano bloccati in ascensore per un’ora all’ospedale Maggiore di Modica e la direzione generale dell’Asp 7 non ne sapeva nulla. “Chiedo scusa. E’ un fatto grave che ha procurato disagio e anche paura ad alcuni cittadini. Il mio rammarico è che nessuno ha ritenuto opportuno informarmi prima”: è quanto dichiaratoci al telefono dal direttore generale dell’Asp 7 Angelo Aliquò, che mantiene la calma nel valutare quanto accaduto al Maggiore, dove 8 persone, tra cui un paziente in barella, sono rimaste chiuse in ascensore per un’ora, prima che una squadra dei vigili del fuoco riuscisse a liberarli attraverso una intercapedine. Il trasferimento dal pronto soccorso al piano inferiore, dove i pazienti e gli infermieri che li accompagnavano dovevano svolgere degli esami diagnostici, si è trasformato in una disavventura che avrà certamente degli strascichi legali, perché gli interessati pare presenteranno una denuncia nei confronti dell’Asp.

Tanta paura, anche perché all’interno dell’ascensore i telefonini non hanno funzionato per assenza di campo e il tasto dell’allarme dell’ascensore era fuori uso. Solo quando uno dei telefonini ha avuto un po’ di campo è stato possibile dare l’allarme ed i vigili del fuoco sono arrivati sul posto, imbracando le 8 persone, compreso il malato in barella. Il direttore generale si è detto esterrefatto e ha subito convocato una riunione con i vertici amministrativi e tecnici del “Maggiore” per capire. Una riunione nel corso della quale Aliquò non le ha mandate a dire.