Bimbo ucciso: il responsabile ha ammesso di aver preso cocaina e birra

Bimbo ucciso: il responsabile ha ammesso di aver preso cocaina e birra

Il conducente dell’auto, Il 37enne di Vittoria Rosario Greco, che subito dopo l’incidente in cui ha perso la vita il bambino di 11 anni si era dato alla fuga a piedi, era alla guida di una Jeep Renegade all’interno della quale c’erano 3 persone. Avrebbe perso il controllo della vettura durante una manovra azzardata di sorpasso in una stretta via del centro, invadendo il marciapiede dove il bambino morto stava giocando con il suo cuginetto coetaneo, ora ricoverato a Messina in gravissime condizioni. Dopo la fuga, gli agenti lo hanno identificato e portato in Questura: è stato arrestato per omicidio stradale aggravato. Gli esami effettuati dall’Asp hanno accertato la presenza di un tasso alcolemico quattro volte superiore ai limiti di legge. E’ stato lui stesso a rivelare agli investigarori di aver assunto birra e cocaina. L’auto è stata sequestrata e saranno avviate le pratiche per la confisca.

Gli si contesta anche la detenzione di oggetti atti a offendere: nel suv c’erano uno sfollagente telescopico e una mazza da baseball. I passeggeri che erano con lui, e che come l’autista sono fuggiti a piedi dopo l’incidente, si sono presentati volontariamente in questura spiegando di essere scappati per paura di essere aggrediti. Sono stati denunciati per omissione di soccorso.