Omicidio vigile del fuoco a Vittoria: condanna definitiva a 13 anni

Omicidio vigile del fuoco a Vittoria: condanna definitiva a 13 anni

Tredici anni di carcere per Filippo Assenza, 57 anni. L’uomo aveva ucciso con un colpo di fucile il coetaneo Giorgio Saillant. Confermata quindi la condanna da parte della Cassazione che ha respinto, come richiesto dal procuratore generale, i ricorsi dei legali dell’uomo che avevano lamentato la mancata effettuazione di una perizia psichiatrica e il trattamento sanzionatorio. Assenza, commerciante vittoriese, il 24 gennaio 2016 a Vittoria uccise con un colpo di fucile al volto il vigile del fuoco Giorgio Saillant, mentre stava parcheggiando la macchina sotto casa, dove stava facendo rientro dal lavoro. Il fucile che aveva sparato era regolarmente detenuto da Assenza. Il commerciante confessò, dichiarando anche di non avere avuto l’intenzione di uccidere Saillant, ma di volerlo solo spaventare, ritenendo che avesse una relazione con la moglie.

La famiglia Assenza da anni si era trasferita a Londra, città nella quale l’uomo operava commerciando in prodotti ortofrutticoli di qualità. Filippo Assenza dunque tornava periodicamente a Vittoria, anche per ragioni di affari legati alle forniture delle attività commerciali britanniche.