Piromane sorpreso dai carabinieri mentre appiccava incendio

Piromane sorpreso dai carabinieri mentre appiccava incendio

Non potevano festeggiare in maniera migliore il 205° anniversario della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri i 3 militari effettivi alla Compagnia di Ragusa ed al Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Ragusa, che, nella tarda serata del 4 giugno, di rientro da Palermo, dove erano stati impiegati per un servizio, nel transitare sulla statale 115 Gela Vittoria, in località Spinasanta, notavano 3 focolai di incendio. Un paio dei focolai erano stati appena appiccati, mentre un terzo, che interessava la parte molto secca del canneto, era caratterizzato da fiamme molto alte che invadevano la carreggiata e che avevano rischiato di investire anche l’autovettura di servizio. Nel transitare i militari rallentavano la marcia e notavano sul ciglio della strada un uomo accovacciato ed intento ad appiccare un altro focolaio. Immediatamente i carabinieri arrestavano la marcia e scendevano dal veicolo per bloccare l’uomo che veniva trovato con un accendino in mano ed un altro in tasca. La repentinità dell’intervento non consentiva al piromane di darsi alla fuga ed i militari procedevano all’arresto in flagranza. Sul posto intervenivano successivamente i Carabinieri del Reparto Territoriale di Gela ed i Vigili del fuoco che provvedevano ad estinguere le fiamme.

L’uomo, un 54enne gelese con vari precedenti, non era mai stato colto in flagranza prima nel compimento di gesti incendiari, tuttavia l’Arma locale effettuerà ulteriori indagini per verificare il coinvolgimento o meno dello stesso in altri roghi. Anche questo arresto dimostra la professionalità e lo spirito d’iniziativa dei Carabinieri ragusani che, pur trovandosi fuori dal loro territorio e nel corso di uno spostamento logistico, non si sono sottratti alle loro responsabilità e sono intervenuti per arrestare il piromane ed evitare che l’incendio si propagasse e diventasse ulteriormente pericoloso per i veicoli e le persone in transito.