Abuso di ufficio continuato ed in concorso: chiesta l’assoluzione per l’ex sindaco di Ispica Rustico

Abuso di ufficio continuato ed in concorso: chiesta l’assoluzione per l’ex sindaco di Ispica Rustico

Procedimento giudiziario al tribunale di Ragusa sulla situazione economico finanziaria del comune di Ispica nel quinquennio 2008-2013: il pubblico ministero Francesco Riccio ha formulato le richieste di assoluzione per il reato di abuso di ufficio continuato ed in concorso per tutti gli imputati, quindi con la formula “perché il fatto non sussiste” per i singoli esercizi finanziari. Le conclusioni sono state pressoché le stesse, con un distinguo per quanto riguarda le annualità 2008-2010 per il quale il pm ritiene improcedibilità per estinzione del reato. Nessuna richiesta di condanna quindi per l’ex sindaco di Ispica Pietro Rustico (foto), per alcuni dirigenti e dipendenti comunali di Ispica e del Collegio dei revisori dei conti.

Non sarebbero emersi in aula elementi intenzionali a prova di eventuali condotte illecite; né finalità o interessi patrimoniali nella definizione degli strumenti finanziari del Comune di Ispica negli anni 2008-2013 volti a scongiurare il dissesto finanziario e, testualmente «non c’è prova che vi sia stata una regia e che le stesse definizioni siano state dolose, resta il dubbio che alcune irregolarità possano essere state colpose, pur essendo state individuate delle criticità». L’ex sindaco Piero Rustico si era sempre detto sereno sulla vicenda, confidando nella giustizia.