Celebrati a San Bartolomeo a Scicli i funerali di Francesco Tidona, morto in un incidente

Celebrati a San Bartolomeo a Scicli i funerali di Francesco Tidona, morto in un incidente

Sono stati celebrati nella chiesa di San Bartolomeo a Scicli i funerali di Francesco Tidona, lo sciclitano di 53 anni morto nello schianto fatale nella notte tra venerdì e sabato all’altezza dello svincolo per Taormina, contro il muro dell’autostrada A18 Messina Catania. L’uomo, alla guida di una Citroen C3, è morto sul colpo a causa del violentissimo impatto che ha ridotto ad un groviglio di lamiere l’utilitaria, schiantatasi contro il muro della galleria. Non è stato ritenuto necessario procedere con l’autopsia sul corpo del 53enne, che lascia la moglie e 2 figli. Tidona, professione camionista, era anche titolare di una piccola azienda agricola di produzione di piante tra Scicli e Sampieri e la sua prematura fine ha suscitato parecchia commozione tra la comunità sciclitana, dove era molto conosciuto e benvoluto, anche perchè un gran lavoratore e molto dedito alla famiglia. Per Francesco Tidona, che viaggiava da solo al volante della sua utilitaria, non c’è stato nulla da fare. Vani dunque i soccorsi. Si deve ora capire la dinamica dell’incidente mortale autonomo che ha portato la sfortunata vittima a perdere il controllo dell’auto.