Immagini pedopornografiche “violente e disgustose” nel computer. Arrestato insospettabile

Immagini pedopornografiche “violente e disgustose” nel computer. Arrestato insospettabile

Un insospettabile ragioniere in pensione con la fissa per la pedopornografia: nell’hard disk del suo computer sono stati trovati un migliaio di files, anche con protagonisti dei bambini. Per il 64enne di Vittoria, ma residente a Comiso, sono quindi scattate le manette. Quando è stato scoperto, l’uomo ha tentato di giustificarsi dicendo che si trattava di materiale risalente a circa 4 anni fa, che non vedeva da tempo e che neanche ricordava di possedere ancora, archiviato in alcune cartelle del suo computer, accanto a quelle delle foto di famiglia, con i suoi figli e nipoti. Ma gli investigatori non hanno creduto alla versione fornita dal 64enne, anche perché hanno rinvenuto delle chat archiviate che l’uomo avrebbe intrattenuto con alcune bambine. La perquisizione domiciliare ha portato al sequestro di computer, telefoni ed altri supporti informatici che saranno ispezionati con i dovuti accorgimenti tecnici e le previste garanzie di legge.

Nel frattempo gli inquirenti intendono anche accertare se parenti o soggetti vicini all’arrestato possano essere stati in qualche modo oggetto di attenzioni sessuali, risalendo anche all’identità delle bambine protagoniste delle centinaia di immagini e chat archiviate dall’uomo, i cui reati sono stati scoperti per puro caso. Gli inquirenti indagavano difatti su altri crimini, e avevano contattato il ragioniere in pensione per farsi consegnare delle immagini di video sorveglianza di una certa zona, riprese dalle sue telecamere. Le iniziali rimostranze dell’uomo avevano dunque indotto gli investigatori a recarsi assieme a lui nella sua casa di Comiso, dove hanno trovato il computer contenente le immagini pedopornografiche, di cui alcune definite “violente, disgustose e raccapriccianti” dagli stessi inquirenti. L’uomo si trova ora ai domiciliari nella sua abitazione.