Maxi truffa da 4 milioni di euro in territorio ibleo con una sessantina di vittime indotte in errore

Maxi truffa da 4 milioni di euro in territorio ibleo con una sessantina di vittime indotte in errore

Tre rinvii a giudizio sono stati decisi dal giudice per le udienze preliminari del tribunale di Ragusa per la presunta truffa da 4 milioni di euro che vide una sessantina di vittime, di cui una quarantina costituitesi parte civile nel processo che prenderà il via il prossimo giugno. Le parti offese, secondo i reati contestati ai 3 imputati rinviati a giudizio dal gup, erano convinte di sottoscrivere investimenti sicuri in strumenti finanziari e titoli azionari di grosse società, mentre in realtà sarebbero state indotte in errore con informazioni ed avvertenze non del tutto chiare, sottoscrivendo inconsapevolmente una sorta di contratto di associazione ad una non meglio specificata società in perdita finanziaria, senza comunque esserne soci, con apporto di capitale di rischio. Furono decine le denunce raccolte dagli inquirenti quando le vittime cominciarono a realizzare che i conti non tornavano.