"Ragazzini terribili" rubavano nei centri commerciali di Ragusa

Sono stati individuati dalla sezione volanti di Ragusa dei "ragazzini terribili", tutti minorenni, che rubavano nei centri commerciali di Ragusa. I ragazzi agivano in gruppo al fine di creare confusione all’interno degli esercizi commerciali presi di mira, dividendosi tra loro i compiti e rendendo in tal modo più difficile l’azione di vigilanza degli addetti. La banda prediligeva i gadget tecnologici. L’addetto alla vigilanza, dopo aver accertato che gli stessi avevano oltrepassato le casse senza provvedere al pagamento della merce prelevata, è intervenuto bloccando i giovani. Di fronte alle loro responsabilità due di loro restituivano gli oggetti rubati, dandosi subito dopo alla fuga.

Poi è intervenuta la polizia. I giovani, tutti originari del Marocco, della Tunisia e della Romania sono stati accompagnati negli Uffici della Questura per accertare la loro esatta identità. Due di loro sono stati immediatamente riconosciuti dal personale della vigilanza come gli autori materiali del furto in concorso all’interno del supermercato. Il più piccolo risultava avere appena 13 anni e quindi non imputabile. L’immediata attività è stata ulteriormente approfondita attraverso la visione delle telecamere di videosorveglianza presenti all’interno del centro commerciale.

Dall’attenta visione delle registrazioni è stato inoltre accertato che alcuni di loro aveva già messo a segno, nella medesima giornata, diversi furti all’interno di altri negozi presenti nella galleria commerciale. Sono stati infatti recuperati e riconsegnati ai legittimi proprietari anche un paio di jeans, ancora con l’etichetta attaccata ed un paio di scarpe da ginnastica. Tutti i responsabili sono stati pertanto segnalati alle rispettive Procure competenti con l’accusa di furto aggravato e continuato in concorso.