Vendite porta porta non comunicate: sanzione di 5.164 euro

A seguito di alcune segnalazioni sulla presenza di venditori porta a porta nel territorio di Frigintini, sono stati istituiti dal comandante della polizia locale Rosario Cannizzaro, su sollecitazioni del sindaco Ignazio Abbate e dall’assessore per la sicurezza del territorio Pietro Lorefice, specifici controlli attraverso una pattuglia coordinata dal vice comandante Giorgio Ruta. I residenti della frazione lamentavano la presenza di alcune persone che bussavano alle varie abitazioni, presentandosi come personale di una società per la fornitura di energia elettrica. Le segnalazioni arrivavano, in particolare, da anziani residenti in zone isolate. La pattuglia della polizia locale ha quindi avviato un puntiglioso controllo e, in via Gianforma Margione, ha intercettato 6 persone, che sono state tutte generalizzate. Si trattava di due donne e tre uomini, tutti di Catania e provincia, che confermavano i motivi della loro presenza per vendere contratti per conto di una società.

E´ stata tra loro individuata la responsabile del gruppo, la quale ha dichiarato che lei e i colleghi si trovavano a Frigintini per proporre e stipulare, porta a porta, contratti per la fornitura di energia elettrica e gas. Alla donna è stata contestata la mancata comunicazione al commissariato di polizia della loro presenza e dei nominativi e le è stata comminata una sanzione pari a 5.164 euro. Il gruppo è stato diffidato ad allontanarsi.
«Giornalmente – dichiara l’assessore Lorefice – alla centrale operativa della polizia locale arrivano tantissime segnalazioni circa la presenza di persone sconosciute che bussano nelle case. Per questo è necessario, come del resto prevede la legge, segnalare preventivamente all’autorità di pubblica sicurezza la presenza nel territorio di venditori o incaricati».