Il comune di Vittoria festeggia i 95 anni di Mons. Giuseppe Calì

Il comune di Vittoria festeggia i 95 anni di Mons. Giuseppe Calì

Vittoria festeggia i 95 anni di Mons. Giuseppe Calì. Il sacerdote è legato alla città non solo per nascita ma anche perché sin dagli anni ’50, quando Ragusa diventò diocesi, fu assegnato dall’allora vescovo Mons. Francesco Pennisi alla chiesa del Santissimo Rosario, edificata il 24 giugno 1956, di cui prese possesso canonico nel mese di settembre. Dal 1956 al 1963 il neo parroco, con le offerte dei fedeli e i contributi della Regione Siciliana, riuscì a fare costruire dapprima i locali parrocchiali: un saloncino, la canonica e due aule per il catechismo, mentre fu lasciata come spazio destinato all’edificazione futura della chiesa, un’area fra le vie: Vicenza e Fratelli Briganti. Nel 1970, grazie ad un finanziamento di 40 milioni di lire cominciò la costruzione della chiesa, che fu inaugurata il 27 giugno del 1976. Nel 1978 fu chiamato da arciprete presso la Chiesa Madre di S. Giovanni Battista e qui, il 29 giugno del 2003 fu stato celebrato il suo Giubileo Sacerdotale per i 50 anni di sacerdozio. La sua attività pastorale non si è fermata neanche dopo il suo collocamento a riposo, tanto è vero che sia con Mons. Pirillo, sia con Mons. Converso, aveva la disponibilità di un suo ufficio presso i locali della basilica dove riceveva la gente. Oggi lo stato fisico non gli consente di essere autonomo nei movimenti, ma la preghiera per la città ed i cittadini non è venuta meno. L’amministrazione ha manifestato a Mons. Calì la sua stima. Scrive il sindaco Francesco Aiello: “Una vita dedicata alla chiesa e alla città. A nome mio personale, della Giunta, e della Città tutta, che mi onoro di rappresentare, rinnovo i sentimenti di stima a Mons. Calì, padre spirituale di Vittoria, e gli auguro un felice compleanno e tanti altri da festeggiare insieme a noi”.