Inquinamento a San Giacomo: richiesta di accesso agli atti

Il capogruppo del Pd al consiglio comunale di Ragusa Mario Chiavola ha presentato una richiesta di accesso agli atti in riferimento alla vicenda del presunto inquinamento di alcune aree in località San Giacomo, frazione rurale della città. Nella richiesta, Chiavola fa presente la necessità di “potere avere conoscenza di un chiaro e dettagliato report sulle attività di bonifica comunicate agli uffici preposti dell’ente di palazzo dell’Aquila. Nei report dovrebbe essere indicato quali sono stati i danni subiti dal territorio, la tipologia degli interventi effettuati e se il problema è stato o meno risolto”. Anche il capogruppo del Movimento 5 Stelle di Ragusa Sergio Firrincieli, facendo riferimento “Allo sversamento continuo che si verifica nell’area di Moncillè e alle problematiche di analoga natura che erano state segnalate in territorio di San Giacomo”, chiede delucidazioni. “Pur avendo presentato una interrogazione a suo tempo – continua Firrincieli – non abbiamo ancora ricevuto risposta da parte del sindaco. Durante il periodo natalizio, abbiamo effettuato un altro sopralluogo in zona San Giacomo e abbiamo avuto modo di appurare che i sacchi riempiti di terra, verosimilmente inquinata, sono stati rimossi dal sito e immaginiamo portati in una discarica per lo stoccaggio ad hoc, così come avevamo auspicato potessero essere tradotti nell’immediato. Veniamo, quindi, a scoprire che il problema del Moncillè è parallelo e, comunque, contestualizzabile – conclude Firrincieli – con quanto si è verificato a San Giacomo”.