Crollo torre faro: scontro tra sindaco e assessore regionale

Crollo torre faro: scontro tra sindaco e assessore regionale

Tra il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna e l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone si accende un duro scontro sulle responsabilità derivanti dal cedimento di una delle torre faro del porto della cittadina marinara iblea e la conseguente chiusura della struttura per motivi di sicurezza. L’assessore Falcone annuncia un immediato intervento e dice: “Dalla Regione arriveranno torri faro mobili per evitare ogni restrizione, ma il comune guardi alle proprie inadempienze invece di cimentarsi in polemiche sterili. Il sindaco di Pozzallo, anziché strumentalizzare le legittime preoccupazioni di operatori e suoi concittadini – prosegue Falcone – dovrebbe guardare alle proprie inadempienze: da ben 3 anni la Regione aveva stanziato 1,2 milioni di euro per la progettazione e la messa in sicurezza del porto ma purtroppo, ancora oggi, non un solo atto è stato prodotto dal comune. Da parte sua il sindaco Ammatuna mette in luce tutte le inadempienze fin qui accumulate dalla Regione e annuncia che nelle prossime ore il prefetto sarà in vista al porto per rendersi conto della situazione venutasi a creare. “Alla corretta iniziativa della Capitaneria deve adesso seguire, con estrema celerità, l’intervento della Regione Sicilia per mettere in sicurezza l’area – dichiara il sindaco Roberto Ammatuna – e quindi se entro le prossime ore la Regione non interverrà per rendere di nuovo fruibili le aree portuali, non escludo gesti di protesta eclatante. Non era mai accaduto prima d’ora che il porto venisse bloccato – prosegue il primo cittadino di Pozzallo – e la Regione deve assumersi le proprie responsabilità. Il tempo delle parole e delle promesse è terminato – conclude il sindaco – e se non seguiranno con la massima tempestività i fatti, si potrà arrivare anche ad uno sciopero generale”.