No alla violenza sulle donne: tante iniziative dell’Asp di Ragusa

No alla violenza sulle donne: tante iniziative dell’Asp di Ragusa

In occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” (ma il costante impegno è profuso tutti i giorni) sono tante le iniziative che l’Asp di Ragusa ha organizzato, ad opera delle donne e degli uomini dell’Azienda. Quasi una “gara” che ha registrato una straordinaria partecipazione. Non un fatto formale, ma un impegno ricco di sentimento che ha caratterizzato le numerose idee diventate progetti concreti. Tutto questo grazie alle Direzioni Sanitarie e Amministrative dei Presidi Ospedalieri, alle unità operative di ginecologia e ostetricia, ai consultori dell’Asp, all’Unità operativa educazione per la salute e al Team medicina di genere. Il 25 novembre i 3 ospedali di Ragusa, Modica e Vittoria, con i rispettivi pronto soccorso, sono illuminati di rosso, simbolo della giornata contro la violenza sulle donne. Rosse sono anche le panche installate sempre all’interno dei 3 nosocomi, assieme alle scarpe rosse, altro simbolo della ricorrenza (foto). È stato realizzato anche un video a cura del personale di ginecologia e ostetricia del Guzzardi di Vittoria. Una nuova stesura del “Codice Rosa” è stata redatta dal Team aziendale che si occupa dei percorsi assistenziali delle donne che arrivano nei Pronto Soccorso degli ospedali. Il direttore generale Angelo Aliquò ha ingraziato le dipendenti e i dipendenti che si sono resi disponibili, partecipando a questo significativo appuntamento, evidenziando che «La violenza contro le donne continua a essere una terribile realtà che affligge la nostra società. La sensibilità dimostrata dal nostro personale mi colpisce perché mi conferma che nella nostra Azienda c’è attenzione e impegno a una problematica così rilevante e dolorosa. Dobbiamo, però, non limitarci alle manifestazioni – ha concluso Aliquò – ma diffondere la cultura del rispetto della donna e per tutti».
PORTE APERTE NEI CENTRI ANTIVIOLENZA E NEGLI OSPEDALI IBLEI
Fino al 28 novembre porte aperte nei centri antiviolenza e negli ospedali con i Bollini Rosa di Fondazione Onda alle donne vittime di violenza. Negli ospedali aderenti al network Bollini Rosa saranno disponibili servizi gratuiti rivolti alla popolazione femminile per supportare coloro che sono vittime di violenza fornendo strumenti concreti e indirizzi a cui rivolgersi per chiedere aiuto. L’iniziativa è stata concretizzata in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. In questo panorama di solidarietà verso le donne e di indignazione nei confronti della violenza in generale e di genere in particolare, i reparti di ginecologia e ostetricia del Giovanni Paolo II di Ragusa e del Maggiore di Modica, offriranno gratuitamente alla popolazione femminile servizi clinici e informativi, in presenza e a distanza, consulenze e colloqui. L’iniziativa fa parte del progetto di sensibilizzazione “La violenza ha molti volti: nessuna maschera per combatterla”, una campagna social promossa da Fondazione Onda che vede testimonial del mondo della cultura, dello spettacolo, della scienza, dell’innovazione e dello sport lanciare un messaggio chiaro e conciso contro la violenza sulle donne. Secondo i dati Istat, peraltro, le richieste di aiuto durante la pandemia covid sono molto aumentate, specie nel periodo di lockdown forzato.