Una nuova discarica tra Modica, Ispica e Pozzallo? Ma anche no!

Una nuova discarica tra Modica, Ispica e Pozzallo? Ma anche no!

I sindaci della provincia di Ragusa hanno approvato la creazione di una discarica comprensoriale tra i territori di Modica, Ispica e Pozzallo. Le Amministrazioni di queste 3 città hanno votato contro. “Il comune di Modica – commenta l’assessore all’ecologia Pietro Lorefice – non è contrario alla realizzazione della discarica in se, considerate le innumerevoli difficoltà riscontrate nel settore e l’estremo bisogno di zone dove poter scaricare, tanto è vero che avevamo dato l’assenso per una macro area costituita da migliaia di ettari di terreno incolto e lontano da qualsiasi insediamento sempre in territorio modicano. Per quanto riguarda la zona scelta oggi siamo contrari perché troppo a ridosso delle città di Pozzallo, di Ispica e alle case sparse in territorio di Modica. Inoltre c’è un vizio iniziale visto che manca la Vas (Valutazione Ambientale Strategica), cioè lo strumento, previsto per legge, volto a proteggere e tutelare l’ambiente dai possibili impatti. La sua mancanza va ad inficiare tutto il procedimento. Ricorreremo a tutti gli organi competenti per fare annullare questa decisione”. “L’individuazione della discarica – interviene il sindaco Ignazio Abbate – non può prescindere dalla compatibilità con il territorio. Il fatto che non ci sia ancora la Vas significa che ci sarebbero problemi continui con la gestione, ancora prima della sua realizzazione. Aggiungiamo a questo il fatto che non esistono infrastrutture e che è eccessivamente vicino all’autostrada, quindi offrirebbe una cartolina poco edificante del nostro territorio. Nella decisione – conclude Abbate – devono essere coinvolti i Sindaci coinvolti e la Sovrintendenza ai Beni Culturali”. L’idea della vasca per il conferimento dei rifiuti in un’area tra Modica, Ispica e Pozzallo era stata avanzata nell’ambito dell’assemblea della Srr Ato 7 Ragusa. Si tratta ancora della prima fase di un iter che già si annuncia dunque lungo e complesso. Ragusa, come ha precisato il sindaco Peppe Cassì, ha già fatto e continua a fare molto per i rifiuti del comprensorio, con la discarica di Cava dei Modicani, prossima alla saturazione totale, come testimoniato dalla chiusura temporanea che si ripete periodicamente e che proprio negli scorsi giorni ha causato notevoli disagi, come la mancata raccolta della spazzatura.