Le note di Cafiso al maestro Di Modica, ricordato dalla Cina

Le note di Cafiso al maestro Di Modica, ricordato dalla Cina

L’ultimo saluto al famoso scultore Arturo Di Modica ha avuto il suo apice nelle note dell’Hallelujah di Leonard Cohen suonato dal jazzista Francesco Cafiso, pure lui un talento di Vittoria come il compianto maestro. I funerali sono stati celebrati lunedì pomeriggio nella basilica di San Giovanni a Vittoria. L’opera più famosa dell’artista è quella del celebre “Toro di Wall Street”.

Il maestro è stato ricordato anche nella lettera inviata dal senatore Giuseppe Zhu, presidente dell’associazione Cina Italia di Shanghai, indirizzata alla famiglia Di Modica e alla comunità vittoriese tutta. La comunità cinese ricorda l’opera progettata e creata dallo scultore vittoriese per il Bund Financial Plaza all’apertura dell’Expo 2010 di Shanghai. “Ho conosciuto il maestro Arturo Di Modica a New York il 9 marzo 2009 – afferma Zhu – e rimasi molto colpito dai suoi tori simboleggianti la forza possente e la capacità di rinascita del popolo americano di risollevarsi nei momenti difficili, come il crollo delle quotazioni alla Borsa di Wall Street nel 1987. Ma anche il popolo cinese si è rialzato tante volte da pestilenze, dittature e ora anche dalla pandemia covid. Gli chiesi così di creare un’installazione anche per Shangai.

La Statua raffigurante un toro in bronzo sul Bund di Shanghai, oggi è diventata il simbolo dell’amicizia tra Cina e Italia. In questo momento il mio pensiero va alla moglie Stefania Drago e alle sue figlie Marianna e Nadia. Che possano avere la forza di andare avanti, con la consapevolezza che Arturo con la sua arte – conclude Zhu – ha lasciato un segno indelebile”.