Invasa dalla monnezza mezza provincia di Ragusa: che fare?

Mezza provincia di Ragusa è invasa dalla monnezza a causa del ritardo da parte della Regione Siciliana nella emanazione del decreto di riapertura del Centro di trattamento rifiuti di Cava dei Modicani. Quasi tutti i comuni iblei stanno soffrendo una raccolta praticamente a singhiozzi. Si registrano ritardi in particolare a Ragusa, Modica, Chiaramonte, Vittoria e Scicli, ma i disservizi interessano più o meno tutto il territorio ibleo. Alcuni sindaci, tra cui quello di Modica, ha esortato i cittadini a non conferire al momento il secco indifferenziato, che non può essere raccolto per lo smaltimento, ma i cassonetti sono comunque traboccanti di pattume un po’ ovunque. Non è difficile in queste ore imbattersi in sacchi della spazzatura che invadono anche le strade.

Un vero peccato, visto che la provincia di Ragusa vanta una raccolta differenziata (almeno nei centri urbani), molto lusinghiera in termini di percentuale. La Regione dovrebbe dunque pronunciarsi a breve termine in quanto la situazione, nei comuni iblei, sta diventando davvero insostenibile.