L’innovativo Progetto Kassandra alla Biennale di Venezia

L’innovativo Progetto Kassandra alla Biennale di Venezia

“Siamo stati tra i primi a credere nel progetto “Kassandra”, nato a Modica dagli architetti modicani Stornello e Cannata ed abbiamo aderito con entusiasmo, non solo contribuendo a questa fase di sviluppo, culminata nel prestigioso riconoscimento che gli aprirà le porte della Biennale di Venezia, ma anche immaginando uno spin off dedicato all’applicazione sulla rete autostradale che ci vedrà partner nel prossimo futuro”. Con queste parole Valerio Molinari, azionista di riferimento della Ecogest Spa, ha saluto con grande soddisfazione l’ufficialità dell’annuncio della partecipazione della proposta pilota “Rewilding Modica” all’edizione 2021 dell’importantissima kermesse culturale veneziana. Kassandra è un innovativo strumento che si occupa della pianificazione urbana e della gestione delle risorse per far fronte agli effetti del cambiamento climatico, un vero e proprio Idss (Integrated Decision Support System) pensato e realizzato per dare supporto a chi deve prendere le decisioni di sviluppo delle città: sulla base di un approccio di ricerca e progettazione multidimensionale, Kassandra è infatti in grado di trattare una serie di indicatori (prestazioni energetiche, condizioni geologiche, risorse idriche, mobilità, ecc.) sia un modo univoco che integrato, analizzando i dati in modo da poter prevedere diversi scenari futuri, studiando per ogni intervento il rapporto preciso tra costi e benefici.

“Quando i partner di Kassandra mi hanno proposto una collaborazione proiettata allo sviluppo strategico del progetto, non ho avuto alcuna esitazione ad accordare il nostro sostegno anche in un momento nel quale la qualità e l’innovazione dello stesso non aveva un appeal così forte come quello attuale – continua Molinari – non si è trattato solo di un ulteriore impegno verso Modica e la Sicilia tutta, ma la consapevolezza che attraverso la spinta generazionale e propulsiva di tanti giovani e preparati professionisti, si possano esplorare territori nuovi, elaborando soluzioni concrete ed applicabili che migliorino ampi settori della nostra produzione strategica. In questo senso, assieme al mio management, ho già proposto ai protagonisti di Kassandra una partnership operativa che possa esaltare le tante declinazioni della loro intuizione progettuale, a partire dall’applicazione sperimentale della stessa sulle attività di gestione e manutenzione autostradale”.

Nelle prossime settimane i vertici di Ecogest e Kassandra, che già collaborano all’interno del Centro Studi sul Cambiamento Climatico, fondato dallo stesso Molinari, torneranno ad incontrarsi per definire la partnership operativa e per dare corso all’idea, fortemente sostenuta da Ecogest, di finanziare un periodo di studi specialistici, a favore di un giovane laureando, anch’esso legato al territorio di origine dell’idea progettuale, che desideri approfondire la correlazione tra il progetto e l’incidenza dei mutamenti climatici sulla gestione delle principali infrastrutture di trasporto.