Razza boccia proposta sindaci: la provincia iblea resta rossa

Razza boccia proposta sindaci: la provincia iblea resta rossa

“La proposta avanzata dal sindaco di Modica relativa ad un passaggio della provincia di Ragusa da zona rossa ad arancione o addirittura gialla purtroppo non è condivisibile”: lo dichiara l’assessore regionale alla salute Ruggero Razza. Nel frattempo anche altri sindaci iblei avevano perorato la causa, mentre lo stesso Abbate ha esortato Razza a tornare sui propri passi. Ma l’assessore regionale alla salute sembra proprio irremovibile, soprattutto alla luce degli ultimi, allarmanti dati che interessano tutta l’isola, territorio ibleo compreso.

“L’ultimo monitoraggio per la Sicilia – spiega Razza – fa registrare un Rt nell’intervallo massimo a 1.25, con una progressione che proprio nella giornata di domenica ci ha visti secondi per contagi ed un aumento casi complessivi con una tendenza crescente in modo uniforme. Proprio a Modica, nei 14 giorni presi in esame, l’incidenza dei casi è stata di 2 volte superiore al limite indicato dalle linee guida nazionali come parametro di sicurezza per il contact tracing. È comunque vero che negli ultimi giorni, anche per le restrizioni da zona arancione rafforzata disposte dal presidente Musumeci, si delinea una graduale discesa, ma non si tratta di un fenomeno consolidato e l’esperienza degli ultimi mesi ha dimostrato come il contagio, senza le dovute azioni di contrasto, si presti ad ondate.

Molti scienziati rilevano poi – prosegue l’assessore regionale alla salute – che il raffreddamento significativo della diffusione del virus si ottiene con misure contenitive omogenee, così la zona rossa potrà garantire anche un eventuale passaggio diretto, se i numeri lo consentiranno, in zona gialla. Sono convinto che l’intento del sindaco non fosse assolutamente polemico e spero apprezzerà come tutti, nessuno escluso, l’intenzione comune di garantire una vita sociale normale e sicura”, ha concluso Razza.