Controlli covid per richiedenti asilo col progetto “We care”

Anche per i richiedenti asilo sono stati istituiti controlli mirati per il contenimento del Ccovid. Il progetto “We care” è stato sottoscritto dal Prefetto Filippina Cocuzza e dal direttore generale dell’Asp, Angelo Aliquò, per la prevenzione e il contenimento del contagio nel sistema di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale. Il progetto è stato finanziato con circa mezzo milione di euro ed è finalizzato al rafforzamento della governance complessiva del territorio per la tutela sanitaria dei cittadini stranieri, alla realizzazione di percorsi formativi informativi in tema di salute e migrazione, ed inoltre all’attivazione di azioni in grado di sviluppare ed orientare a livello locale politiche di coesione.

L’accordo risponde alla necessità di definire delle indicazioni operative che possano indirizzare gli interventi di prevenzione e contenimento della diffusione del covid all’interno dei centri di accoglienza straordinaria della provincia e lungo la cosiddetta fascia trasformata, grazie al supporto di un team mobile, attivato proprio nell’ambito del progetto We Care, e composto da due medici, due infermieri e uno psicologo dell’Asp di Ragusa, oltre che da tre mediatori linguistico-culturali dell’Oim. Sarano posti sotto osservazione anche gli ospiti dei Cas per una copertura capillare del territorio grazie anche all’effettuazione di test diagnostici tramite tamponi molecolari o antigenici, che di quella relativa alla tenuta del registro della quarantena