La nuova pavimentazione del santuario della Madonna di Gulfi

La nuova pavimentazione del santuario della Madonna di Gulfi

E’ stata presentata in tutto il suo sobrio splendore la nuova pavimentazione del santuario di Maria Santissima di Gulfi, a Chiaramonte. Il pavimento è stato realizzato per adeguare liturgicamente e recuperare l’immagine architettonica che il santuario aveva perso in seguito a vari interventi eseguiti nei secoli scorsi, con diversi materiali. Gli imprenditori Giovanni Damigella e Santo Cutrone hanno offerto i materiali edili necessari e sostenuto i costi della realizzazione della pavimentazione e di altre opere accessorie per la conservazione del tempio sacro, anche con il contributo dell’8 per mille della Chiesa cattolica, con cui è stato realizzato l’impianto di riscaldamento dell’aula liturgica.

Durante lo scavo sono state rinvenute tracce dell’antica pavimentazione, precedente rispetto a quella in botticino che il santuario aveva. La pavimentazione è stata realizzata seguendo la figura dell’ottagono, che caratterizza diversi elementi della chiesa, tra cui la bella e imponente cupola. Il vescovo della diocesi di Ragusa Monsignor Carmelo Cuttitta ha dunque ringraziato i 2 imprenditori e ha rimarcato come “la chiesa iblea sia particolarmente attenta alla tutela del proprio patrimonio di arte sacra e sia, al contempo, una comunità di fedeli che vive proiettandosi verso il futuro”.