Per i comuni iblei 8,7 milioni di euro con il decreto rilancio

Per i comuni iblei 8,7 milioni di euro con il decreto rilancio

Per i comuni iblei arrivano 8,7 milioni di euro grazie alle risorse del Decreto Rilancio a favore di enti locali e Provincie. Le risorse sono state erogate per consentire l’esercizio delle funzioni fondamentali, anche in relazione alle possibili perdite di entrate connesse all’emergenza Covid-19. L’assegnazione di queste risorse straordinarie a ciascun ente è effettuata in proporzione alle previste tipologie di entrate al 31 dicembre 2019. Questa la ripartizione del Fondo per i Comuni iblei: Ragusa ha avuto 3 milioni,321 mila, Vittoria è seconda con 871 mila euro, segue Modica con 811 mila euro, S. Croce 337 mila euro, Scicli 153 euro, Ispica 289, Pozzallo 280, Monterosso Almo 46, Acate 144.670 euro, Chiaramonte Gulfi 161.264 euro, Comiso 747.565 euro, Giarratana 276.231 euro. Al Libero Consorzio Comunale di Ragusa andrà: 1.328.593 euro. Tali somme, pari a 8.769.562 euro complessivi si vanno ad aggiungere, dunque, ai quasi 5 milioni di euro già erogati precedentemente ai comuni Iblei ed Libero Consorzio. Il governo vuole far sì che le possibili perdite di gettito per i Comuni non si ripercuotano sui servizi offerti ai cittadini, già duramente provati dalle conseguenze economiche e sociali del lockdown. Nelle casse degli enti locali entreranno somme immediatamente disponibili, senza vincolo di destinazione. Il decreto rilancio è la nuova misura per contenere la crisi economica causata dall’epidemia, e ha stanziato 55 miliardi in aiuti ai lavoratori, alle famiglie e alle imprese.