Barocco line va alla grande: 18 collegamenti diretti con la bellezza

Barocco line va alla grande: 18 collegamenti diretti con la bellezza

Chi sceglie di esplorare in treno la Sicilia questa estate, può godere della bellezza di molti luoghi e di preziosi tesori racchiusi tutti in un unico itinerario: il Barocco Line. Fino al 6 settembre, Trenitalia ha previsto 18 collegamenti dedicati alla scoperta del Barocco siciliano, dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’Umanità nel 2002. L’iniziativa è ancora più interessante visto il periodo storico, il desiderio di spostamenti limitati causa coronavirus e per sostenere il turismo di prossimità. Si viaggia da Siracusa a Donnafugata e si ammira la bellezza di Noto, Scicli, Modica, Ragusa Ibla e Ragusa, luoghi per ricordare al viaggiatore, per la varietà del panorama, la ricchezza delle opere d’arte e la dolcezza della luce siciliana. E città rese famose poiché location della ventennale fiction “Il commissario Montalbano”.

Tramite l’app Trenitalia ed il contatore digitale sarà possibile conoscere in tempo reale il numero dei posti a sedere disponibili a bordo dei treni regionali contrassegnati fino al sold out, con 2600 posti giornalieri per la Barocco Line. Per le tariffe si potrà viaggiare su tutti i treni regionali in ogni direzione tra le 12 del venerdì e le 12 del lunedì acquistando un unico biglietto del costo di 49 euro per quattro weekend o di 149 euro per tutti i weekend. Interessante la promozione junior per cui un ragazzo sotto i 15 anni viaggia gratis per ogni adulto pagante e la promo “Viaggia con me” per i titolari di un abbonamento regionale che posso viaggiare ovunque in due acquistando un solo biglietto. Inoltre per facilitare la visita sarà possibile portare con sé in treno gratuitamente la propria bici. La linea è stata presentata alla stazione di Siracusa, alla presenza dell’assessore alle Infrastrutture e mobilità, Marco Falcone, all’assessore al turismo, sport e spettacolo della Regione Sicilia, Manlio Messina, dal direttore della direzione regionale Sicilia di Trenitalia, Silvio Damagini e dei rappresentanti delle città interessate.