Rete lavoro agricolo di qualità: Ragusa prima provincia in Sicilia

Rete lavoro agricolo di qualità: Ragusa prima provincia in Sicilia

Ragusa è l’unica provincia siciliana ad avere istituito la Sezione provinciale della Rete del lavoro agricolo di qualità, dando così piena attuazione alle previsioni contenute nell’articolo 6 del “Protocollo sperimentale contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura. Cura-legalità-uscita dal ghetto”. Nel corso della riunione tenuta in Prefettura in stretta sinergia con l’Inps si è dato il via alla formale istituzione della Sezione individuando i soggetti aderenti e supportando l’istituto di previdenza nel rafforzamento dello sportello già attivo presso il Centro Polifunzionale di Ragusa, favorendone la conoscenza e l’accesso alle aziende agricole del territorio, anche attraverso specifico materiale informativo e momenti di divulgazione e informativi ad hoc.

Le peculiarità della “Sezione Territoriale di Ragusa della Rete del Lavoro Agricolo di qualità”, quale iniziativa che contribuirà a sostenere, in maniera concreta, la valorizzazione delle aziende impegnate nelle attività di contrasto del capolarato, sono state messe bene in evidenza dal Direttore regionale dell’Inps Maeia Sandra Petrotta e dal direttore dell’Inps di Ragusa Vincenzo Floccari. L’obiettivo principale della Sezione è quello di promuovere un tessuto di aziende agricole fondato su presupposti etici ed organizzativi, che garantendo la qualità dei processi e dei prodotti, valorizzino il proprio potenziale economico e promuovano la crescita ed il benessere dei diversi territori in cui operano, individuando e diffondendo pratiche, che anche mediante il ruolo della contrattazione decentrata e territoriale, valorizzino ed incentivino le attività del settore agricolo ed i prodotti di eccellenza del Made in Italy, e delle imprese che scelgano legalità e sicurezza.