Un’estate più corta con vacanze da reinventare nel Ragusano

Un’estate più corta con vacanze da reinventare nel Ragusano

Che cosa fare per l’estate 2020? Sarà più corta? Ci saranno vacanze da reinventare? L’indagine di Confcommercio-Confturismo con Swg fornisce alcune indicazioni che è possibile adattare anche alla provincia di Ragusa. “I viaggi, intanto – sottolinea il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti – saranno brevi, cresce la voglia di mare e attraggono meno le città d’arte, questo almeno stando alla ricerca condotta. Da cui emerge, tra l’altro, che, rispetto ad aprile, e questo è un dato positivo, sale, dal 19 al 48%, la quota di ragusani che pensa di fare le valigie nei mesi tra giugno e agosto. Inutile sottolineare che lo scorso anno, nello stesso periodo, erano stati almeno il 70%. Vuol dire, comunque, che in molti sono impossibilitati a partire a causa del lavoro, una percentuale minima, e per la mancanza, la misura maggiore, di fondi adeguati da spendere lungo questa direzione. Insomma, c’è una sorta di paura per il futuro che blocca un po’ tutti e, naturalmente, continua a causare danni su danni alle imprese del settore”