Mascherine obbligatorie: sanzioni “salate” per i trasgressori

Mascherine obbligatorie: sanzioni “salate” per i trasgressori

A livello nazionale è obbligatorio l’utilizzo di dispositivi di protezione individuali, ovvero le mascherine, nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e nei mezzi di trasporto. Le mascherine non sono obbligatorie per i bambini sotto i 6 anni e per i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina. Tra le tipologie di mascherine autorizzate rientrano anche quelle monouso o lavabili, comprese quelle auto prodotte, in materiale multistrato idonei a fornire una adeguata barriera che garantiscano comfort e respirabilità. L’utilizzo delle mascherine è da aggiungersi all’applicazione delle misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio come il distanziamento sociale e l’igiene costante delle mani. Per i trasgressori sono previste sanzioni che vanno dai 400 ai 3.000 euro. Per gli esercizi commerciali che non fanno rispettare le misure di sicurezza, oltre alla sanzione economica è prevista anche la chiusura dell’esercizio da 5 a 30 giorni.

Per quanto riguarda i controlli a Modica, il sindaco Ignazio Abbate precisa che “Nei prossimi giorni la polizia locale verificherà questa problematica dell’uso della mascherina anche perché mi sono arrivate diverse segnalazioni da parte di dipendenti e titolari di esercizi commerciali – dice il sindaco – che lamentano il mancato rispetto delle regolare da parte dei clienti. Chiunque non abbia a disposizione una mascherina può anche utilizzare una sciarpa o un indumento. In questo senso il Comune di Modica si è già attivato per l’acquisto di 200.000 mascherine – conclude Abbate – da distribuire alla popolazione”.