I danni causati dal maltempo nel Ragusano e nel resto della Sicilia

I danni causati dal maltempo nel Ragusano e nel resto della Sicilia

Tra martedì e mercoledì sono caduti circa 100 mm di pioggia con punte in alcune zone di 140 mm, vale a dire le precipitazioni di tutto il mese di gennaio. Le abbondanti precipitazioni inevitabilmente hanno provocato disagi e danni. Nel Ragusano i vigili del fuoco sono intervenuti per la rimozione di alberi, pali della pubblica illuminazione, pericolante o divelti. A Ragusa sono stati effettuati diversi interventi per cavi elettrici che emanavano pericolose scintille. Interventi anche in territorio di Modica, dove sono segnalati diversi allagamenti di scantinati e di abitazioni. Niente danni alle persone.

Nel Catanese e nel Siracusano sono state una settantina le chiamate ai vigili del fuoco nel capoluogo etneo che sono dovuti intervenire non solo per soccorre persone in auto ma anche per mettere in sicurezza pali e semafori pericolanti e per infiltrazioni d’acqua in abitazioni, garage allagati, caduta intonaci di rivestimento degli edifici. Richieste di soccorso sono arrivate anche da Paternò, Giarre e Riposto. Una bomba d’acqua sull’autostrada Siracusa Catania, all’altezza dello svincolo di Priolo, ha creato allagamenti che hanno causato disagi alla circolazione. I volontari della Protezione civile di Priolo hanno aiutato gli automobilisti rimasti in panne. Pericolo esondazione e di allagamenti sono segnalati dalla Protezione Civile di Siracusa oltre che per alcuni fiumi anche sulle strade di collegamento con le zone balneari tra Fontane Bianche, Ognina e Cassibile, compresa la statale in contrada Santa Elia.