L’Esercito a Vittoria viene visto come un nuovo inizio per la città

L’Esercito a Vittoria viene visto come un nuovo inizio per la città

Con l’arrivo dell’Esercito a Vittoria “C’è la possibilità di un nuovo inizio, l’occasione di marcare una strada completamente differente da quella percorsa finora. Lo dicevamo mesi fa: se mancano agenti nelle forze di polizia presenti sul territorio, allora si faccia intervenire l’esercito. Bene, ora che è accaduto speriamo che l’intera città possa trarre giovamento da questo surplus di controlli, a tutto vantaggio della stragrande maggioranza dei vittoriesi onesti che ambiscono a potere vivere la loro città con la massima tranquillità”. E’ il presidente di Idea Liberale, Giuseppe Scuderi, ad affermarlo, plaudendo alla scelta della Prefettura di Ragusa di rimodulare l’utilizzo dei militari impegnati nell’operazione “Strade sicure” per il monitoraggio di siti sensibili del territorio cittadino.

“Speriamo, ovviamente – continua Scuderi – che questa operazione possa durare il più possibile per garantire quella necessità di tranquillità che si rende indispensabile da più parti. E speriamo che, come dicevamo, questa presenza possa diventare una sorta di rampa di lancio per il prossimo futuro, con la consapevolezza che affrontare la campagna elettorale non sarà facile ma è fondamentale che si abbassino i toni e che, soprattutto, si punti sulla proposta e non sugli insulti, come purtroppo è già accaduto in qualche frangente. Diamo, dunque, il benvenuto ai militari di stanza sul nostro territorio cittadino e speriamo che la loro attività possa essere agevolata al meglio dai vittoriesi che anelano a trovare la dimensione più adeguata per tornare a potersi confrontare al meglio con la propria città. Ecco, abbiamo bisogno di normalità, di serenità. E pensiamo che questa presenza possa aiutarci a garantirla. Noi, però, saremo chiamati a fare la nostra parte. E dovremo dimostrare, sino in fondo, di essere quella comunità laboriosa e ligia alle regole che, in svariate occasioni, per queste ragioni, ha avuto modo di mettersi in evidenza”.

L’ESERCITO A VITTORIA SU DECISIONE DELLA PREFETTURA
E’ arrivato l’Esercito a Vittoria per garantire una esigenza di sicurezza sempre crescente da parte della collettività: la decisione è stata assunta dalla Prefettura. “La risposta che ci si aspettava è finalmente arrivata: adesso speriamo che la città possa essere più sicura”. Questo il commento del direttivo del movimento politico Sviluppo Ibleo, dopo che la Prefettura di Ragusa, con la rimodulazione dei servizi svolti dal personale militare impegnato nell’operazione “Strade sicure”, ha deciso di impiegare un contingente dell’esercito nei servizi di vigilanza dei siti e degli obiettivi sensibili. “Si comincerà proprio da Vittoria – sottolinea il direttivo del movimento politico – proprio allo scopo di rispondere a quell’esigenza di sicurezza che da più parti viene richiesta, anche dopo i fatti che si sono verificati negli ultimi mesi e che hanno riacceso i riflettori sulla necessità di assicurare una maggiore e più visibile presenza sul territorio delle forze dell’ordine.

Vittoria ha bisogno di un’attenzione supplementare in questo problematico periodo e siamo certi che le risposte che arriveranno dallo Stato, attraverso la Prefettura, assicureranno quella necessità di tranquillità che, a più riprese, l’opinione pubblica ha richiesto. Non era più possibile, secondo noi, continuare a trascurare oltre questa esigenza. E bene ha fatto il prefetto Cocuzza a rispondere in maniera concreta alle sollecitazioni del territorio. Certo, non pensiamo affatto che tutti i problemi di Vittoria si risolveranno in questo modo. Ma è evidente che si tratta di un primo segnale che, ancora una volta, mette in luce l’attenzione nei confronti della nostra realtà urbana da parte di chi – chiude la nota – è preposto a monitorare nella maniera migliore l’ordine pubblico”.