Un chilometro e mezzo a piedi per gli studenti delle campagne iblee

Un chilometro e mezzo a piedi per gli studenti delle campagne iblee

“Un regolamento che non tiene conto delle condizioni di viabilità e vivibilità delle zone rurali, con decine di bambini residenti nelle campagne non servite adeguatamente dal servizio scuolabus, nonostante ci siano decine di posti vacanti nelle linee che girano per accompagnare i piccoli studenti nelle loro classi”: è quanto denunciato dai consiglieri comunali del Pd di Ragusa Mario Chiavola e Mario D’Asta. “Dobbiamo testimoniare – proseguono i 2 consiglieri – che l’assessore comunale alla pubblica istruzione Gianni Iacono si è voluto adoperare su questa vicenda considerando che, fuori dalla cinta urbana, percorrere a piedi circa un chilometro e mezzo, perché è questa la distanza di cui parliamo, in condizioni di assoluta insicurezza, significa, per il sindaco, assumersi una gravissima responsabilità. Ci sono stati, finora, 6 tentativi in consiglio, tra cui interrogazioni a risposta scritta, emendamenti in bilancio, tutte le prove burocratiche e di iniziativa consiliare possibili e immaginabili, per cercare di risolvere la situazione e che, però, si sono scontrati contro un muro. I bambini dovrebbero quindi continuare a percorre a piedi queste distanze al freddo e al gelo per raggiungere dalle rispettive abitazioni la prima fermata utile dello scuolabus, correndo rischi non da poco visto che stiamo parlando di tratti di strada senza marciapiedi?”. D’Asta e Chiavola auspicano dunque che si possa trovare una radicale soluzione al problema nel corso della prossima seduta del consiglio comunale fissata per martedì.