In una convenzione la speranza di riaprire il tribunale di Modica

In una convenzione la speranza di riaprire il tribunale di Modica

Novità dall’incontro promosso a Modica dai Comitati costituiti per il ripristino delle funzioni giurisdizionali nei locali dei Tribunali soppressi di Modica, Nicosia e Mistretta. La riunione ha registrato la partecipazione del Sindaco di Modica Ignazio Abbate, del Vice Sindaco di Pozzallo Giuseppe Giudice, degli omologhi di Scicli Caterina Riccotti, e di Ispica Giovanni Stornello, nonché dei parlamentari Marialucia Lorefice e Giuseppe Pisani. Per Nicosia ha partecipato il Sindaco Luigi Bonelli, per Mistretta il Portavoce del Comitato pro Tribunale, l’Avvocato Salvatore Porracciolo.

L’Avvocato Enzo Galazzo del Comitato Pro tribunale Modica, che ha fatto gli onori di casa, ha riassunto gli eventi che hanno segnato le iniziative sottese alla richiesta di ripristino dei 30 Tribunali soppressi nel territorio nazionale, nonché le altre specificatamente attinenti agli ex Tribunali di Modica, di Nicosia e di Mistretta. Galazzo ha ribadito che le strutture giudiziarie degli uffici soppressi possono essere utilizzate, in forza di legge, a servizio dei Tribunali accorpanti, a patto che intervenga una convenzione sottoscritta dal Ministro della Giustizia e dal Governo della Regione Siciliana che impegni quest’ultimo a sostenere le spese di manutenzione e del personale.

L’Avv. Galazzo ha voluto precisare che il Governo Regionale, nella persona dell’Assessore Bernadette Grasso, ha ripetutamente dichiarato la sua disponibilità a partecipare a Roma, al Ministero, e di essere pronta a sottoscrivere la convenzione, senza che sinora le sia stata confermata, dal Ministro, analoga disponibilità. Ai parlamentari presenti, che hanno assunto l’impegno a svolgere le più opportune e pressanti sollecitazioni, è stata dunque affidata l’ulteriore istanza in indirizzo al Ministro della Giustizia per la pronta convocazione del Governo regionale.

Un incontro durante il quale quindi i rappresentanti del Coordinamento regionale hanno chiesto all’unisono ai parlamentari del M5S di mediare affinché il ministro alla Giustizia Bonafede incontri l’assessorato regionale Bernadette Grasso e venga siglata la convenzione con la quale si dia la possibilità di utilizzare i Palazzi di giustizia soppressi quali sedi distaccate. “Abbiamo ascoltato le istanze pervenuteci – hanno evidenziato i parlamentari Lorefice e Pisani – perchè importante è in questi casi conoscere i pareri e i punti di vista delle parti al fine di poter affrontare questa delicata situazione nel modo più opportuno. Come rappresentanti del territorio il nostro compito è anche avanti le istanze che ci provengono da essi. Cosa che negli anni abbiamo sempre fatto, mantenendo fede agli impegni presi. Le richieste del coordinamento rientrano -continuano-, chiaramente, in una più ampia riforma giudiziaria che non riguarderebbe soltanto gli ex tribunali di Modica, Mistretta e Nicosia ma anche gli altri 27 soppressi in tutta Italia. Tuttavia, ritenendo che nel caso specifico, ad esempio, di Modica i costi per la manutenzione di un immobile il cui mutuo fino al 2024 resta vincolato all’uso dello stesso per uffici giudiziari sottoporremo ancora una volta il caso dei tribunali siciliani – concludono – al ministro Bonafede.