Stanchi di avere le tasche vuote i netturbini a Modica: stop di 2 ore

Stanchi di avere le tasche vuote i netturbini a Modica: stop di 2 ore

Si sono fermati per 2 ore, dalle 10 alle 12 di martedì, riunendosi in assemblea davanti al municipio, gli operatori ecologici della Igm, la società che gestisce il servizio di raccolta rifiuti. I lavoratori, 80 in tutto, lamentano il mancato rispetto degli accordi sottoscritti lo scorso 10 ottobre al tavolo della Prefettura di Ragusa. In quell’occasione, alla presenza della stessa azienda e del sindaco Abbate, venne assicurato il pagamento dello stipendio di luglio e della quattordicesima entro il 31 ottobre e quelli di agosto e settembre entro il prossimo 15 novembre. I netturbini hanno finora percepito solo una parte dello stipendio i luglio.

“L’azienda non ha rispettato la prima scadenza e i lavoratori sono ancora fermi soltanto ad una parte dello stipendio di luglio – hanno commentato i tre responsabili territoriali del sindacato unitario di Fp Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti, Salvatore Tavolino, Nino Giannone e Silvio Balsamo – una situazione che sta diventando ormai insostenibile per questi lavoratori che, fino ad oggi, con l’impiego degli stagionali, hanno comunque garantito il servizio per i cittadini. Il mancato rispetto degli accordi sottoscritti in Prefettura – concludono i tre segretari – appare grave e preoccupante visto che siamo in prossimità della seconda scadenza indicata e che, nel frattempo, è maturato anche lo stipendio di ottobre. Per tutto questo abbiamo già indetto lo sciopero per il prossimo lunedì, 18 novembre”.