Nel degrado assoluto l’alveo e gli argini del torrente a Modica

Nel degrado assoluto l’alveo e gli argini del torrente a Modica

Su richiesta di alcuni residenti, stanchi delle inutili promesse di vari rappresentanti dell’amministrazione comunale, il Comitato 100 passi segnala pubblicamente lo stato di degrado nel quale versano l’alveo e gli argini del torrente, in prossimità con il vecchio
macello comunale. “Ed infatti – si legge nella nota a firma dell’avvocato Antonio Ruta – l’argine viene costantemente usato da ignoti come discarica a cielo aperto, con l’abbandono di rifiuti speciali, materiale edile di risulta, vecchi mobili, pneumatici e finanche vecchie valige e reti da letto. Come dichiaratoci dai nostri interlocutori, la situazione è già stata segnalata da diversi mesi all’amministrazione
comunale che, però, non è intervenuta.

Inoltre, da una nostra ricognizione sui luoghi, sia pure sommaria, abbiamo potuto constatare che l’alveo, e la zona circostante, non ricevono adeguata manutenzione, come dimostrato anche dalla presenza di una grossa voragine, probabile residuo dell’ultima alluvione di due anni fa. A tal proposito, ricordiamo che l’innumerevole presenza di detriti, le erbacce sull’alveo stesso e lungo gli argini, potrebbero rappresentare la causa di inconvenienti gravi, come quelli del 23 gennaio 2017, e questo, a dispetto delle rassicurazioni dell’amministrazione, deve essere scongiurato nei fatti. Chiediamo dunque – conclude la nota – che l’intera zona venga immediatamente bonificata, che l’alveo e gli argini del torrente vengano ripuliti da rifiuti, detriti ed erbacce”.