Battaglia di Sicilia del luglio 1943: cerimonia in ricordo a Camemi

Battaglia di Sicilia del luglio 1943: cerimonia in ricordo a Camemi

Una cerimonia sentita, all’insegna del ricordo e della commemorazione. In contrada Camemi si è tenuta la cerimonia promossa dalla Associazione Lamba Doria, voluta proprio in un luogo “simbolo” della Battaglia di Sicilia del luglio 1943. E’ stato reso onore al Colonnello Giuseppe Primaverile, comandante del 123mo Reggimento Costiero di stanza a Scicli, al Tenente Colonnello Francesco Milazzo, comandante del 383mo Battaglione Costiero di stanza a Santa Croce Camerina ed al Tenente Giunio Sella, comandante del Caposaldo di Case Camemi che proprio in contrada Camemi, il 10 Luglio 1943, perse la vita nell’adempimento del dovere. Vi hanno preso parte i discendenti dei militari caduti ed è una corona di alloro innanzi alla “Casamatta Monumento” ed è stata consegnata la Croce al Merito di Guerra ai parenti del fante Giorgio Leone, deceduto, durante le fasi concitate della Battaglia di Sicilia, in contrada Pianicella, poco distante da Camemi. La cerimonia, patrocinata dal Comune di Ragusa e dal Ministero della Difesa ha visto la presenza, tra l’altro, del generale Claudio Minghetti, comandante del Comando Militare Esercito “Sicilia”, del capo di gabinetto della Prefettura di Ragusa, Gabriele Barbaro, del sindaco Peppe Cassi, del colonnello Federico Reginato, comandante provinciale dei Carabinieri, del colonnello Giorgio Salerno, comandante provinciale della Guardia di Finanza e delle associazioni combattentistiche e d’Arma.

A rendere l’evento particolarmente suggestivo la partecipazione della banda della Brigata Meccanizzata “Aosta” di Messina. “Camemi” è diventato così un “luogo della memoria” anche perchè tre strade del villaggio sono state inoltre intitolate ai tre valorosi ufficiali che in quella conttrada combatterono e si sacrificarono. A scoprire le tabelle toponomastiche il sindaco di Ragusa Peppe Cassì ed i nipoti dei tre valorosi ufficiali: Giuseppe Primaverile, Attilia Sella e Francesco Milazzo, che nel suo intervento ha esaltato il valore della memoria, della riconoscenza, dell’amore e della dedizione alla patria.

“Vogliamo ricordare tutti quei valorosi soldati – ha dichiarato nel corso delle cerimonia il generale Minghetti – che hanno combattuto per la difesa della Patria. La cerimonia di Camemi assume un significato particolare con l’istituzione dei luoghi della memoria”. “L’Amministrazione comunale ha condiviso l’idea dell’associazione Lamba Doria – ha aggiunto il sindaco Cassi – che unitamente all’Ecomuseo Carat ha ritenuto tale iniziativa pertinente al processo di valorizzazione dell’identità storica della comunità”. “La provincia di Ragusa – ha detto Alberto Moscuzza Presidente dell’associazione Lamba Doria – con l’istituzione di questo luogo della memoria, diventa una realtà unica nel sud Italia”. “L’importanza del ricordo – ha affermato Salvatore Marino, referente Lamba Doria per la provincia di Ragusa – è dimostrata dalla costante partecipazione alla cerimonia non solo delle autorità ma anche di tanti cittadini. Ed è proprio questo che rende il sito di Camemi un luogo della memoria”.