Le regole per la movida dell’estate decise in un vertice in prefettura

Le regole per la movida dell’estate decise in un vertice in prefettura

Il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica detta le regole per le manifestazioni pubbliche e le attività di pubblico spettacolo per tutta l’estate. Le ordinanze saranno emesse a breve dai sindaci, sulla base delle indicazioni concordate al tavolo presieduto dal prefetto Filippina Cocuzza, al quale hanno preso parte i vertici istituzionali e delle forze dell’ordine interessati. Per le manifestazioni in luogo pubblico i comuni dovranno prevedere l’impiego di un adeguato numero di operatori appositamente formati, con compiti di accoglienza, instradamento, regolamentazione dei flussi anche in caso di evacuazione, osservazione ed assistenza del pubblico oltre ad un piano per le emergenze ed urgenze sanitarie. Si prevede inoltre il divieto di somministrare bevande in contenitori di vetro in occasione di eventi pubblici. I sindaci hanno convenuto inoltre sulla necessità di uniformare gli orari di apertura e chiusura dei locali per evitare il fenomeno della trasmigrazione dei giovani da una città all’altra.

Saranno riproposti gli orari dello scorso anno, dalla domenica al giovedì fino all’una di notte e dal venerdì al sabato fino alle 3. Negli stabilimenti balneari si potrà svolgere solo attività di intrattenimento musicale con tutte le limitazioni del caso. In sede di Comitato è stato ribadito che l’ Assessorato regionale ha confermato negli stabilimenti balneari sono ammesse solo le attività di svago e di intrattenimento musicale e danzanti, essendo “attività complementari annesse alla balneazione o alla diretta fruizione del mare”.