La Regione Siciliana ha bocciato lo stabilimento balneare di Casuzze. Accolte le richieste del comitato

La Regione Siciliana ha bocciato lo stabilimento balneare di Casuzze. Accolte le richieste del comitato

L’assessorato al Territorio e Ambiente della Regione ha bocciato la costruzione dello stabilimento balneare, con annessa area attrezzata per i cani, nel litorale di Santa Croce Camerina. La struttura di legno, su una superficie complessiva di 610 metri quadrati, di cui 478 coperti con opere di facile rimozione, doveva essere realizzata sulla spiaggia di Casuzze. I dirigenti dell’assessorato hanno accolto le richieste del comitato “Salviamo le dune e la spiaggia di Casuzze”. Nella motivazioni, i dirigenti Giuseppe Battaglia e Francesca Grosso, hanno spiegato che le strutture per gli animali da affezione devono essere distanti almeno 500 metri dalle abitazioni e che il piano di utilizzo del demanio deve essere approvato dalla Regione Siciliana. La struttura di legno, secondo la Regione, risulta essere in contrasto con quanto dispone il decreto presidenziale numero 7 del 12 gennaio 2007.

gds.it