Raccolta rifiuti a Vittoria, il commissario Dispenza: “La procedura del bando settennale è in corso”

Raccolta rifiuti a Vittoria, il commissario Dispenza: “La procedura del bando settennale è in corso”

Il commissario straordinario del comune di Vittoria Filippo Dispenza (foto) fa chiarezza sulla situazione del servizio di raccolta dei rifiuti urbani e sul bando Aro settennale. “E’ doveroso precisare – dichiara Dispenza – che sia nel 2015 (quando era stato approvato) che nel Giugno 2018 (quando era stato aggiornato), il Piano Aro non aveva avuto alcun seguito. Sono stato io, in rappresentanza della Commissione straordinaria, a sollecitare sin dallo scorso Settembre gli uffici del Comune a predisporre il bando settennale e a portare a compimento la procedura. Il 12 Marzo scorso, il Piano di intervento, dopo un attento lavoro di rivisitazione e di rielaborazione, nell’ottica di una maggiore efficienza del servizio, è stato riapprovato e trasmesso agli organi competenti, ovvero la Regione e la Srr. L’iter, quindi, è stato già avviato, e ora bisogna attendere i tempi tecnici necessari per arrivare alla gara, ormai prossima. In considerazione della tempistica richiesta dalla procedura del bando, in vista della scadenza del contratto con la Tech Servizi non potevamo far altro che rinegoziare con la ditta (è opportuno sottolineare che non si tratta di una proroga, ma di una rinegoziazione, avvenuta in forza dell’articolo 4 del contratto del 20 Luglio 2018, come espressamente previsto dal bando di gara). Non c’era altra soluzione: una gara ponte avrebbe richiesto tempi lunghi e non potevamo certo lasciare la città senza il servizio di igiene urbana.

Peraltro, rinegoziando il contratto abbiamo ottenuto, da un lato, un risparmio di oltre centotrentamila euro, e dall’altro il miglioramento del servizio dello spazzamento meccanizzato. Va chiarito altresì che nella rinegoziazione abbiamo inserito una clausola che prevede che il contratto sarà risolto unilateralmente e anticipatamente appena si sarà conclusa la nuova procedura di gara; questo significa che il rapporto con la ditta che attualmente gestisce il servizio – conclude il commissario – potrebbe risolversi anche prima del 31 dicembre”.