Nuovi alberi per la rotonda, ma le polemiche infuriano: il taglio dei pini fa discutere a Chiaramonte

Nuovi alberi per la rotonda, ma le polemiche infuriano: il taglio dei pini fa discutere a Chiaramonte

Nuovi alberi per la rotonda, ma le polemiche infuriano. Il taglio dei pini che facevano da cornice ad uno dei luoghi simbolo della città è arrivato inatteso anche se la Giunta aveva approvato nello scorso gennaio una delibera in cui si parlava della “riqualificazione” della rotonda. In questo intervento era previsto la sostituzione delle panchine esistenti, la collocazione di vasi decorativi in sostituzione di quelli vandalizzati, la realizzazione della struttura di sostegno del mosaico. Le critiche sono arrivate da Vito Fornaro, Giovanni Vivera e Mario Cutello che non hanno condiviso la scelta fatta dell’amministrazione comunale. I consiglieri di opposizione ritengono che i pini potevano essere mantenuti seppur ridimensionati.

Il sindaco ha ribattuto a muso duro alle critiche arrivate rilevando che i lavori sono stati avviati per la tutela della pubblica incolumità, messa a repentaglio dal precario stato vegetativo degli alberi esistenti e dalla grave compromissione del manto stradale vicino alla rotonda. Una perizia tecnica, inoltre, ha certificato il sofferente stato vegetativo degli alberi che presentano un rischio per le persone. Dice il sindaco: “La tutela della sicurezza verrà garantita insieme al miglioramento del decoro urbano attraverso la sostituzione degli alberi con delle essenze arboree”.